Random cards

Home         View page in normal format
appartenenza
Data Oriented Psychology (DOPSY)
posso cambiare la mia mente?
ordine
Zur Geschichte der Geschlechterdebatte
Need to |belong
Essere
Orientamenti etici simili
apprendimento del gioco per imitazione
incapacità
quanto x è soddisfatto di me
i miei ex amici
bisogno di allevare prole, nutrire, accudire, educare
Irving Penn 20121015101847-75
Castel S. Angelo columns
la mia natura
interagire
social networks
quali sono gli automatismi di x verso me
paura dei sentimenti
progredire
mi fai paura
palabras claves
progreso civil
saggisti
Templates
the decision to "veto" an action is determined subconsciously, just as the initiation of the action may have been subconscious in the first place
crimi
Behavioral Genetics|(ornl.gov/sci)
Oliviero Toscani - Photographs 20120919165341-14
alcohol
Synergy
Giocare con me
spezlwirtschaft.me

Ledererstraße 3, tel  +49 89 23232973 

 
Sincerità
Miscellanea
Cefalù, Palermo, Monreale, Etna, Acitrezza, Portopalo di Capo Passero, Valle dei Templi, le isole Egadi, Erice, San Vito lo Capo, Segesta. Siracusa, Catania e Agrigento.

Cefalù
Giardini Naxos
Valle dei Templi di AG
Taormina
Siracusa
Palermo 
Catania
Trapani
Piazza Armerina
Scala dei Turchi (località di mare, AG)
Noto
Selinunte
Segesta

Sciacca

Quanto X è sapiente/ignorante?
come reagisco alle offese
bisogno di emigrare in luoghi più favorevoli
ritiene
una intera società può essere malata
spregiudicatezza
Learn ALL Portuguese Holidays in 75 Minutes
essere più creativo
O Praise the Lord ..(Haydn)
destructiveness is the alternative to hope
Social Thinking & Superflex
Antico Traiano (Ostia Lido)
Via Lucio Coilio 28, tel. 06 8865 6946
Per conoscersi meglio, il questionario
arrampica
palingenesi
Nel pensiero antico, termine con cui sono state indicate varie concezioni filosofiche e religiose riferentisi al rinnovamento o trasformazione dell’individuo o del cosmo: così l’orfismo, il pitagorismo e certe forme di platonismo hanno inteso la palingenesi come un processo di progressiva purificazione e liberazione dell’anima attraverso successive incarnazioni; il tema (connesso alla concezione dell’«eterno ritorno») è legato altresì al periodico rinnovamento del cosmo e della storia umana attraverso periodici sovvertimenti universali (per opera del fuoco, da cui il cosmo nasce e in cui si risolve; o per l’alternarsi di diluvî e incendî cosmici). Nel Nuovo Testamento il termine (gr. ????????????, lat. regeneratio) indica la rigenerazione dell’anima o il rinnovamento del cosmo alla fine dei tempi (nella visione cristiana della storia è escluso un eterno ritorno).
2. fig. Rinnovamento, trasformazione radicale, di istituti, concezioni e sim.: p. sociale, politica, morale.
3. In biologia, termine introdotto da E. Haeckel per indicare la «legge biogenetica fondamentale», secondo la quale lo sviluppo ontogenetico di un individuo ricapitola le tappe della sua filogenesi.
4. In geologia, l’insieme dei processi successivi all’anatessi, durante i quali si ha la rigenerazione e la omogeneizzazione della massa silicatica fusa che da essa deriva.
Roselli- Conferenza USP 3° parte
Konrad Lorenz
de.wikipedia.org/wiki/Friedemann Schulz von Thun
far
Zuwendung

commissione, diritto, esazione (allowance)

Contradiction and negation as ingredients of progress
Contradiction and negation have a dynamic quality that at every point in each domain of reality—consciousness, history, philosophy, art, nature, society—leads to further development until a rational unity is reached that preserves the contradictions as phases and sub-parts by lifting them up (Aufhebung) to a higher unity.
davanti
voglio interagire con te
gerarchie
accolade
elogio, onoreficienza
psicologia dell’età evolutiva (o dello sviluppo)
stimulus hunger
Fragebogen zur Liebe
de.wikipedia.org/wiki/Cooleys Beitrag zum Symbolischen Interaktionismus
capire
aveva
Sergio Cammariere Insensata ora
http://www.youtube.com/watch?v=gtDQQkQcqlg

grooveshark.com

L amore non si spiega

pregiudizi
bisogno di agire in modo sincrono con altri
Sebastião Salgado - Photographs 20130805152003-43
Ciò che è vivo e ciò che è morto di Nietzsche
Il più famoso medico filosofico preconizzato da Nietzsche è indubbiamente Antonio Damasio, che ha scritto un’importante trilogia sul problema del rapporto tra esperienza somatica e esperienza mentale.

 

Con L'errore di Cartesio (Adelphi, Milano 1995), egli confuta il tentativo cartesiano di separare res extensa e res cogitans, vale a dire di affermare il primato della mente sul corpo. Alla luce degli studi contemporanei, la razionalità non appare affatto indipendente dai meccanismi di regolazione biologica dell’organismo, tra i quali le emozioni e i sentimenti svolgono un ruolo particolare perché sono in grado di condizionare fortemente, e talvolta, inconsapevolmente, gli stati d’animo, i pensieri e le decisioni.

 

In Emozione e coscienza (Adelphi, Milano 2000), affrontando il tema della coscienza dalla duplice prospettiva dell'analisi a livello neurofisiologico e delle relative corrispondenze sul piano psicologico, Damasio ribadisce l’importanza dei meccanismi automatici di regolazione dell’omeostasi biologica e rileva il ruolo centrale a tal fine delle emozioni, le quali modificano di continuo lo stato del corpo. La rappresentazione di questo stato a livello della corteccia si traduce in un sentimento cosciente, vale a dire nella definizione di un Sè capace di sentire, di ricordare e di narrare la sua esperienza.

 

Con Alla ricerca di Spinoza - un commosso omaggio al filosofo olandese che per primo ha superato l’errore di Cartesio, Damasio, intuendo lo stretto legame esistente tra la mente e il corpo, porta a compimento la sua ricerca elaborando una teoria elegante e coerente delle emozioni e dei sentimenti.

 

Il pensiero di Damasio muove dal presupposto che l’organismo umano, in quanto prodotto dell’evoluzione, ha ereditato molteplici meccanismi di regolazione omeostatici, che, nel loro complesso, possono essere rappresentati da una struttura ad albero ai quali se ne sono aggiunti di nuovi. Partendo dal basso e procedendo verso l’alto, egli ipotizza i seguenti livelli di regolazione: il processo del metabolismo; comportamenti normalmente associati all'idea del piacere (e della gratificazione) o del dolore (e della punizione); al livello immediatamente superiore: impulsi e motivazioni (fame, sete, sesso, curiosità e esplorazione, gioco; più in alto ancora: le emozioni vere e proprie; in cima i sentimenti che generano la coscienza.

 

Nell’ottica di Damasio, la coscienza, con tutti i suoi complessi fenomeni, è fortemente dipendente dagli stati del corpo che vengono continuamente rappresentati a livello di mappe cerebrali. Egli scrive

 

“Il sentimento, nel senso più stretto e rigoroso del termine, è l'idea che il corpo sia in un certo modo. In questa definizione si può sostituire «idea» con «pensiero» e « percezione». Se guardiamo al di là dell'oggetto che ha causato il sentimento - e i pensieri e la modalità di pensiero conseguenti - vediamo precisarsi il suo nucleo: i contenuti del sentimento consistono nella rappresentazione di un particolare stato del corpo.


Gli stessi commenti sarebbero pienamente applicabili ai sentimenti di tristezza e di qualsiasi altra emozione, come pure ai sentimenti degli appetiti e di qualunque sequenza di reazioni regolatrici abbia luogo nell'organismo. I sentimenti, nell'accezione adottata in questo libro, non insorgono solo dalle emozioni vere e proprie, ma da qualsiasi insieme di reazioni omeostatiche, e traducono nel linguaggio della mente lo stato vitale in cui versa l'organismo.” (p. 106)

 

“I sentimenti sono percezioni, e io propongo che la loro percezione trovi il necessario supporto nelle mappe cerebrali del corpo. Una certa variazione del piacere o del dolore è un contenuto costante di quella percezione che chiamiamo sentimento...


La mia ipotesi, allora, presentata sotto forma di definizione provvisoria, è che un sentimento sia la percezione di un certo stato del corpo, unita alla percezione di una particolare modalità di pensiero nonché di pensieri con particolari contenuti. I sentimenti emergono quando il semplice accumulo dei dettagli registrati nelle mappe raggiunge un certo stadio...” (p. 108)

 

“Per come la vedo io, l'origine delle percezioni che costituiscono l'essenza del sentimento è chiara: c'è un oggetto generale - il corpo - costituito di molte parti continuamente registrate in molteplici strutture cerebrali. Chiari sono anche i contenuti di quelle percezioni: i diversi stati del corpo descritti dalle mappe cerebrali, scelti in un'ampia gamma di possibilità... Lo stato particolare di quelle componenti del corpo, così come è ritratto nelle mappe cerebrali, è un contenuto delle percezioni che costituiscono i sentimenti. I substrati immediati dei sentimenti sono dunque le mappe di miriadi di aspetti di stati corporei diversi, nelle regioni del cervello deputate all'elaborazione sensoriale, designate a ricevere segnali afferenti da tutto il corpo.” (p. 109-110)

 

“In breve, il contenuto essenziale dei sentimenti è la mappa di un particolare stato corporeo; il substrato dei sentimenti è l'insieme delle configurazioni neurali corrispondenti allo stato del corpo e dalle quali può emergere un'immagine mentale di quello stato. Essenzialmente, un sentimento è un'idea - un'idea del corpo e, in particolare, un'idea di un certo aspetto del corpo, del suo interno, indeterminate circostanze. Il sentimento di un'emozione è l'idea del corpo nel momento in cui esso è perturbato dall'emozione.” (p. 111)

 

“I sentimenti sono percezioni e in quanto tali, per certi versi, paragonabili ad altre percezioni. Le percezioni visive reali, per esempio, corrispondono a oggetti del mondo esterno, le cui caratteristiche fisiche colpiscono la nostra retina e modificano temporaneamente le configurazioni delle mappe sensoriali nel sistema visivo. Anche nel caso dei sentimenti, all'origine del processo c'è un oggetto le cui caratteristiche fisiche innescano una catena di segnali che attraversano le mappe cerebrali nelle quali l'oggetto stesso è rappresentato. Proprio come nella percezione visiva, parte del fenomeno è dovuta all'oggetto, e parte all'interpretazione che ne dà il cervello. Tuttavia quel che è diverso - e non si tratta di una differenza banale - è che nel caso dei sentimenti gli oggetti e gli eventi all'origine del processo si trovano all'interno del corpo, e non all'esterno. Può darsi che i sentimenti siano processi mentali come qualsiasi altra percezione, ma i loro oggetti, rappresentati nelle mappe, sono comunque parti e stati dell'organismo in cui essi insorgono.” (p. 113)

 

La concordanza tra le ipotesi di Damasio e quelle di Nietzsche, per il quale gli stati d’animo sono espressivi dello stato corporeo, è assolutamente rilevante.

 

C’è concordanza, però, anche su di un aspetto criticabile: il solipsismo per cui corpo e mente rappresentano una sorta di monade. Damasio prende in considerazione le emozioni sociali, ma esclusivamente come fattori di regolazione dei rapporti interpersonali e della vita di relazione sociale.

Christine Neubauer 20121112185224-7
le cose che mi irritano
bisogno di comicità
las botas
boots
Psychology
scherzosi
turismoroma.it/cosa-fare-categorie/parchi-e-giardini
Affekt (de.wikipedia.org)
behavioral change
20120130004306
http://www.cancellieri.org/galleries/Roma 2010/small/IMG_0503.JPG
The Wisdom Institute 2
Cosa ti diverte?
una persona a cui sono molto grato e perché
capacità
gris
grey
conformità
Thomas A. Harris
sei bello
Time for an 'atheist church'?
Abitudini simili
tocar el piano
to play the piano
100-domande-per-conoscere-meglio-una-ragazza-o-un-ragazzo
Ridere
chi è superiore tra noi due?
Sebastião Salgado - Photographs 20130805152005-67
my life
quanto x è ricco/a
Home         View page in normal format