myMindLab presentazione sintetica

Home         View page in normal format
Premessa
ho sviluppato un metodo e uno strumento informatico per gestire la mente
gestire la mente = analizzarne e modificarne il comportamento per migliorarlo
il metodo ha funzionato su di me e ora vorrei verificare se funziona anche per altre persone
Teoria
il comportamento è per lo più involontario e automatico, incluso il pensare
automatismo = stimolo-risposta (SR)
esistono due tipi di SR: 1) SR esterno-interno e 2) SR interno-interno
stimolo = percezione fisica o simbolica
risposta = idea e/o emozione
migliorare la mente = analizzare e correggere automatismi (SR) indesiderati
stimoli critici = stimoli relativi ad automatismi indesiderati
deficit di creatività dovuto alla presenza di automatismi indesiderati o improduttivi
Procedura
individuare e registrare in MML gli stimoli critici
individuare e registrare in MML le risposte indesiderate associate agli stimoli critici
individuare e registrare in MML possibili risposte alternative (desiderabili) agli stimoli critici
visualizzare ripetutamente le informazioni raccolte in MML nelle varie modalità disponibili
ripetere la procedura ampliando le informazioni raccolte
Risultati attesi
desensibilizzazione: le risposte emotive indesiderate si riducono mediante la ripetizione della stimolazione
riprogrammazione: le risposte alternative (desiderabili) prenderanno gradualmente il posto di quelle indesiderate
Potenziamento del libero arbitrio e depotenziamento degli automatismi
stimolazione e liberazione della creatività (nuove associazioni al posto di quelle automatiche improduttive)
Note
Vantaggi dell'informazione registrata, in psicoterapia
E' molto difficile gestire la propria mente senza "tirar fuori" e "registrare" quello che c'è in essa. Rappresentando mediante parole e immagini le "entità critiche" della nostra mente e raccogliendo le stesse in un supporto cartaceo o informatico, e rivederle ripetutamente, rende il processo di analisi e modifica del comportamento molto più efficace. Le idee estratte e registrate, divenute in tal modo esterne, diminuiscono il loro potere monopolizzante e prevaricatore rispetto ad altre più represse o rimosse, che in tal modo riescono ad emergere.

Noi riusciamo a lavorare sulle idee che vediamo, mentre le vediamo, non su quelle che sono immerse nel nostro inconscio.

Home         View page in normal format